Qualifiche Professionali: cosa sono?

Qualifiche Professionali: cosa sono?
news
147 Views 0 8 Maggio 2024

In un mondo in continua evoluzione, ottenere una qualifica professionale è come prepararsi per un viaggio verso il successo lavorativo. Le qualifiche professionali possono essere il passaporto per entrare nel mondo del lavoro perché sono in alcuni casi obbligatorie ed in altri costituiscono un “valore” aggiunto da inserire nel proprio CV.

Ma cosa sono le qualifiche professionali? E perché oggi sono sempre più utili a chi vuole emergere nella professione e nella carriera?

1 – Cosa Sono le Qualifiche Professionali

Le qualifiche professionali sono innanzitutto riconoscimenti ufficiali perché rilasciate dalle Regioni, dagli Istituti di Istruzione e da altri Enti/organismi accreditati o riconosciuti legalmente. Rappresentano sostanzialmente l’esito finale di un percorso formativo che attesta il raggiungimento un adeguato livello di competenze e di conoscenze in un particolare settore.

La qualifica infatti, dimostra che la persona che l’ha conseguita ha sia quelle conoscenze teoriche sia quelle competenze pratiche che servono per svolgere una professione o una determinata attività lavorativa.

Le qualifiche professionali rilasciate in Italia sono regolate da un sistema nazionale di certificazione delle competenze professionali basato sulle normative europee. Sono definite attraverso standard nazionali e possono essere ottenute tramite solo programmi di formazione accreditati e corsi di istruzione e formazione professionale.

2 – Il Ruolo delle Regioni e degli Enti di Formazione Accreditati

Il primo passo per iniziare un viaggio verso una qualifica professionale, è quello di identificare il settore di interesse. Per facilitare questo percorso, le Agenzie Formative Accreditate mettono a disposizione un servizio di orientamento e supporto.

Le Regioni italiane svolgono un ruolo chiave nell’organizzazione della formazione professionale proprio tramite gli enti di formazione accreditati. Gli enti di formazione accreditati sono sostanzialmente le realtà presenti sul territorio regionale che possono erogare i corsi di formazione finalizzati al rilascio certificati o attestati di qualifica.

Questa accreditamento presso la Regione, garantisce che l’Ente di formazione abbia raggiunto determinati standard di qualità e che i programmi formativi offerti siano conformi alle linee guida stabilite dal sistema regionale della formazione.

Per ottenere una qualifica professionale, quindi, occorre iscriversi ad un corso di formazione che rientra nel sistema regionale. Durante il percorso formativo, si acquisiranno così le competenze pratiche e teoriche specifiche del settore prescelto. Al termine di ogni corso è previsto sempre un esame finale il cui superamento permetterà di ottenere la qualifica.

3 – Le qualifiche professionali più richieste

Le qualifiche più richieste riflettono le esigenze dinamiche del mercato del lavoro. Settori come la sanità e l’assistenza sociale, l’informatica, l’edilizia e il turismo mostrano una costante domanda di competenze specializzate.

Le competenze digitali, per esempio, sono sempre più importanti in tutti i settori. Sviluppatori di software, analisti di dati, esperti di cybersecurity e specialisti di settore sono altamente richiesti.

Ed anche il settore dei servizi socio – assistenziali è alla continua ricerca di professionisti che siano in grado di lavorare a contatto con bambini, anziani o persone con disabilità.

4 – Il Valore di un Attestato di Qualifica Professionale

L’attestato di qualifica professionale è la prova tangibile delle competenze acquisite in un determinato settore. Questo riconoscimento ufficiale costituisce un fattore che differenzia chi l’ha conseguito dagli altri candidati, soprattutto quando la scelta di seguire questa strada non è requisito obbligatorio per inserirsi in un settore lavorativo.

Un percorso formativo che porta fino alla certificazione di qualifica è complesso e prevede anche periodi di stage ed un esame finale con una commissione che valuta la preparazione del singolo partecipante.

Inserire il possesso di una qualifica nel CV costituisce sempre di più, agli occhi di un recruiter a caccia di competenze “reali”, un valore aggiunto perché non si troverà di fronte ad semplice attestato bensì all’esito finale di un percorso lungo che si conclude con una certificazione rilasciata da un Ente di valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *